Le notti, le mattine

Guardando la foto che fa da copertina a questo blog, delle volte, penso che sia molto azzeccata. E non solo perché c’è la bussola – cercando il Nord – o perché c’è la macchina da scrivere, ma anche perché c’è una piccola lanterna. La foto è buia e, in effetti, spesso è proprio di notte che scrivo. Ed è da una di queste notti, infatti, che vi spedisco questa letterina. Le strade – fuori dalla minuscola casa di un’unica stanza in cui vivo – ora sono deserte. Il cielo, nero. Qualche stella – sono sicuro – adesso brilla sulla mia testa, mandando la sua fioca luce attraverso gli anni e da milioni di chilometri di distanza. Il silenzio è rotto solo dal canto di qualche piccolo uccello – segno che la città si sta lentamente svegliando – e, dentro casa, da una vecchia radio gracchiante (che ho trovato qui quando mi sono trasferito) che ora trasmette una canzone di De André, anch’essa nata tanti anni fa e molto lontano da qui. Ed è proprio da centinaia di chilometri di distanza e da un tempo remoto che stanotte, stamattina, mi sembra di salutarvi e di bussare alla vostra porta come il gallo stonato che adesso bussa alla mia.


P.s. Da oggi puoi ascoltare le canzoni di queste storie su Spotify, trova “Cercando il Nord”

© Riproduzione riservata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: