Le domeniche

La domenica mattina, un insegnante del Sud che si è trasferito a Bergamo per ragioni di lavoro può finalmente dedicarsi al suo passatempo preferito: guardare i bergamaschi fare sport. Fin dalle prime ore della giornata, infatti, la città si trasforma in un immenso palasport a cielo aperto, per permettere a tutti di ossequiare l’antico adagio “mens sana in corpore sano”. Alto, slanciato, fisico tonico e volto da attore, il bergamasco lavora sodo sei giorni su sette per svegliarsi presto la domenica mattina e incominciare a correre. Di solito, i cittadini avanzano in coppia. E a tute abbinate. Leggings neri, felpa di un colore brillante, lei; scaldamuscoli neri e felpa dello stesso colore, lui; entrambi con ai piedi l’ultimo modello di nike. Ma ci sono anche corridori soli o famiglie impegnate in quella che, più che una modesta passeggiata della domenica, sembra essere una dura sessione di allenamento famigliare. Seduto al bar, bevendo tranquillamente il mio caffè, ho la netta sensazione che la città intorno a me si muova. È infatti tutto un girare di ruote e di pedali, uno sfregare di lycra contro lycra, di gamba contro gamba, al ritmo sincopato di profonde inspirazioni e potenti espirazioni. Forse è per questo che, mi accorgo, il bar è mezzo vuoto. Sospetto che non sia per la pandemia, è che al bergamasco l’inattività innervosisce. Seduto al tavolino, lascio perdere per un momento la cavillosità intrinseca a qualsiasi riflessione e mi abbandono a guardarli, ammirato, mentre sfilano nel loro completo domenicale. Neanche per salutarsi si fermano. Si scambiano un buongiorno da lontano o sollevano un braccio, semplicemente. Ora, ad esempio, un signore dall’altra parte della strada ne saluta uno sul mio marciapiedi. Alza le dita e gli fa il segno di “quattro”. Quattro cosa? mi chiedo. Quattro volte? Quattro giri, forse? Soltanto dopo leggo l’amara notizia: «Atalanta-Napoli: 4-2». Certe cose bisogna proprio aspettarsele.

© Riproduzione riservata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: